loading
News

lunedì 16 maggio, 2016

CICLOPEDALATA ROMA – OLIMPIA – ATENE

CICLOPEDALATA ROMA – OLIMPIA – ATENE

Alle 10.00 del 16 aprile presso lo Stadio dei Marmi - Pietro Mennea al Foro Italico inizia la cerimonia di partenza della"Ciclopedalata Roma Olimpia Atene"

Oltre a numerosi amici e parenti dei 31 partecipanti sono presenti Otello Donati, presidente della sezione di Roma dell'Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d'Italia con alcuni grandi campioni del passato tra cui  Daniele Masala, (Pentathlon Moderno); Salvatore Gionta, (pallanuoto); Piero Italiani, (tuffi); Franco Fava, (atletica leggera); Bruno Calvia, (canottaggio).

Dopo i saluti di rito, un rapido ristoro a buffet e gli scambi di doni tra gli organizzatori e gli ospiti, alle 11.30 si parte.

I primi chilometri si sviluppano lungo la pista ciclabile sull'argine del Tevere e, a seguire, sulla via Appia Antica prima di trasferirsi sulla trafficatissima Appia Nuova.

Le due soste previste si effettuano regolarmente a Cisterna di Latina e a Terracina.

Alle 18.30 il gruppo fa il suo ingresso sulla pista di atletica del Centro di Preparazione Olimpica di Formia, concludendo, dopo 153 km, questa prima giornata. 

Partenza per la seconda tappa di 198 km alle 7.30 e primo ristoro a Capua  dopo 65 km.

Verso mezzogiorno, sotto un sole implacabile, il gruppo arriva compatto a Ponte per un ottimo e abbondante pranzo nel "Café Noir".

Superata Benevento iniziano le salite ed il gruppo progressivamente si sfalda. L’ultimo ristoro è a 35 chilometri dall'arrivo dopodiché ognuno deve contare solo sulle proprie forze per affrontare gli ultimi impegnativissimi chilometri fino a Lago Laceno, sede di tappa.

La luculliana cena presso l'hotel "La Locanda degli Hirpini" ripaga abbondantemente i ciclisti delle fatiche odierne.

La terza tappa è la più lunga ed impegnativa della manifestazione: 208 km con 3.300 metri di dislivello fino a Matera.

Dopo 5 chilometri si raggiunge la "Cima Coppi" della ciclopedalata (1.248 m slm). Si continua sulla via Appia/Ofantina fino al primo ristoro presso un bel fontanile in cima alla seconda salita di giornata (km 50). Il ristoro successivo si trova dopo ulteriori 50 km al termine della terza ascesa, poco prima di Potenza.

Superato il capoluogo lucano il gruppo prosegue sulla via Appia fino al bivio per Grassano dove è posto l'ultimo ristoro. Gli ultimi 35 km scorrono via veloci, grazie ad una generosa brezza, fino a Matera, l’affascinante città dei "sassi".

 

L’ultima tappa italiana è corta (130 km) ma si parte comunque alle 7.30 per non rischiare di perdere il traghetto a Bari. 

Le montagne appenniniche sono finite e il paesaggio è dominato dagli oliveti e dai muretti a secco che caratterizzano la Puglia.

Ad Alberobello i ciclisti effettuano la prima sosta e visitano il Trullo Sovrano, l'unico a due piani.

A Conversano il vice presidente dell'ARI, Carlo Sulas, ha allestito un ottimo pranzo a base di orecchiette pugliesi ed altre prelibatezze presso il negozio di bici Cyclon Store.

Si riparte ben rifocillati e, poco dopo, si avvista l'Adriatico. Gli ultimi chilometri scorrono via rapidi sul lungomare fino all'ingresso del porto di Bari.

Espletate le operazioni di imbarco, alle 19.30 la nave salpa verso la Grecia.

Si sbarca a Patrasso, ben riposati, alle 12.30 e, dopo un pranzo a buffet nell'unico punto all'ombra del porto, si inizia a pedalare sulle strade greche con una piacevole brezza alle spalle.

Alle 17.30 si arriva, non senza emozione, ad Olimpia dopo 110 km.

La cittadina è invasa da atleti, delegazioni dei vari comitati olimpici nazionali e da tantissimi turisti in attesa dell'accensione della fiaccola olimpica fissata per le dodici dell’indomani, 21 aprile.

Con largo anticipo ci sistemiamo, sotto un sole implacabile, sulle tribune d'erba dello stadio. Il colpo d'occhio è emozionante. Sull'altro lato dello stadio sono disposti centinaia di ragazzi con le bandiere di tutte le nazioni aderenti al CIO mentre all'interno della pista si trovano le delegazioni ufficiali invitate alla cerimonia.

Alle 12.00 in punto, dopo l’alzabandiera, iniziano i discorsi del presidente del CIO, Thomas Bach, e dei presidenti dei comitati olimpici brasiliano e greco. Segue una suggestiva coreografia ispirata ai riti sacri dell’antichità che culmina con l’ingresso nella stadio di una sacerdotessa in costume d'epoca portatrice del sacro fuoco di Olimpia.

La sacerdotessa accende la torcia del primo tedoforo che da il via alla lunga staffetta che si concluderà il 5 agosto nello stadio Olimpico di Rio de Janeiro.

Finita la cerimonia pranziamo in hotel e alle 14.45 partiamo alla volta di Levidi: 100 km con 2.000 metri di dislivello.

La strada, pressoché deserta, sale progressivamente attraversando piccoli paesini con paesaggi che ricordano le nostre Alpi. All’imbrunire arriviamo nel bellissimo hotel di Levidi precedendo il furgone con i bagagli che ha avuto alcuni problemi meccanici.

L’ultima tappa di 185 km parte alle 7.45 con una temperatura assai prossima allo zero. La discesa iniziale crea ulteriori problemi ai ciclisti. Per fortuna dopo una decina di chilometri si inizia a salire per l'ultima asperità della ciclopedalata e così ci si scalda un po'.

Il clima in corsa è festoso e rilassato e si giunge rapidamente al ristoro di Nemea dove alcuni, approfittando della sosta, visitano l’antico stadio.

Si prosegue in pianura attraversando centri abitati sempre più trafficati fino a Corinto dove, subito dopo il ponte sull'istmo, è allestito il secondo ristoro di giornata.

Gli ultimi ottanta chilometri verso Atene corrono lungo la costa con bellissime vedute sul mare e sulle numerose isole.

Alle 17.30, con il capitano Nunziato in testa, facciamo l'ingresso trionfale sulla pista nera dello stadio Panathenaico che nel 1896 vide la rinascita dei giochi olimpici e nel 2004 il trionfo di Stefano Baldini nella maratona olimpica.

Dopo un’infinità di foto con tutti gli sfondi possibili ed immaginabili c'è lo scambio di doni con una funzionaria dell'HOC (Hellenic Olympic Committee) che consegna a ciascun partecipante un interessante libro sullo stadio Panathenaico.

Con un ultimo sforzo carichiamo le biciclette sul furgone e andiamo in hotel per il meritato riposo ed un'indimenticabile cena sul roof garden con vista sull'Acropoli illuminata.

Il dopo cena è dedicato ai bilanci finali, alla consegna dei diplomi e alla presentazione della ciclopedalata del 2017 che si svilupperà da Roma a Berlino passando per  Wittenberg, in Sassonia, ove il 31 ottobre 1517 il monaco agostiniano Martin Lutero affisse sulla porta della cattedrale le celebri 95 tesi contro la vendita delle indulgenze dando, di fatto, l'avvio alla Riforma Protestante.

 

Leggi Racconto in dettaglio

archivio
sabato 17 febbraio 2024
RANDAGIO 2.0
giovedì 15 febbraio 2024
PIANIFICA LA TUA STAGIONE
giovedì 08 febbraio 2024
GRANGRAVEL 2024
sabato 03 febbraio 2024
CALENDARIO MANIFESTAZIONI 2024
lunedì 20 novembre 2023
RINNOVATO IL CONSIGLIO DIRETTIVO
mercoledì 11 ottobre 2023
MEETING D'AUTUNNO 2023
venerdì 08 settembre 2023
IL MONDO IN UNA STANZA
giovedì 30 marzo 2023
BAG DROP ITALIA A PARIGI!
ACCEDI/ASSOCIATI
ACCESSO SOCIO CICLISTA
Indirizzo E-Mail:

Password:


Accedi
ACCESSO SOCIO ORGANIZZATORE
Indirizzo E-Mail:

Password:


Accedi

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più puoi consultare la cookie policy. Qualora non accettassi puoi non procedere con la navigazione, oppure lo puoi fare limitatamente con i soli cookie tecnici o di prestazione, oppure puoi decidere quali cookies accettare. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.

Privacy policy completa

PERSONALIZZA RIFIUTA ACCETTA TUTTI